Oggigiorno la società occidentale percepisce la giovinezza come un “valore” della persona, pertanto si è disposti a far di tutto, davvero di tutto, per apparire giovani, ritenendolo necessario per essere accettati e socialmente “gradevoli”.

Tralasciando le aberrazioni di una certa chirurgia estetica che giunge a sezionare parti di glutei e a spostarle per alzare zigomi e modificare volumi, la società occidentale tende a porre l’accento su un concetto di bellezza illusorio.

In tema di cosmetica anti-età non si può affatto trascurare il fattore dell’interiorità della persona, tema tanto caro alle culture orientali.  Sembrerà strano ma in Oriente e in altre culture lontane da noi l’invecchiamento non fa paura ed è sentito e affrontato positivamente: giorno dopo giorno, ruga dopo ruga, il tempo opera una trasformazione della persona “distillandola” in una creatura più completa. Secondo alcune culture, la donna che invecchia migliora negli anni e, insieme alle rughe, acquista una certa intensità che apporta profondità e spessore.

La prevenzione dell’invecchiamento è un modo, oggigiorno, per continuare a sentirsi bene con noi stesse, anche con gli anni che passano. È un modo di rispettare noi stesse, il nostro corpo ed il significato della nostra esistenza. Abbraccia le terapie mediche, lo stile di vita, l’alimentazione, l’esercizio fisico, le ore dedicate al riposo e alle cure estetiche.

La cura anti-invecchiamento non è solo un trattamento estetico, è un progetto di vita.

Il rispetto da accordare alla nostra pelle e la cura che dobbiamo prestarle fin da bambini sono fondamentali, poiché ciò che essa subisce viene registrato in memoria e in futuro potrà presentare un conto particolarmente salato (ne sono un esempio i melanomi causati da scottature solari nel periodo dell’infanzia).

L’invecchiamento della pelle è un fenomeno biologico ineluttabile. Fortunatamente, si tratta di un processo estremamente graduale che dà all’uomo la capacità di abituarsi alle mutazioni del proprio aspetto fisico. I tempi e le modalità dell’invecchiamento cutaneo sono inoltre influenzati dal patrimonio genetico ma già dopo i 25 anni la pelle comincia ad invecchiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*