Che cosa è la psoriasi

Nota fin dall’antichità la psoriasi (il termine deriva infatti dalla parola greca psora che significa squama) è una dermatosi infiammatoria a carattere cronico-recidivante, caratterizzata da tipiche lesioni eritemato-desquamative. Non è né infettiva né contagiosa.

Dove si localizzano queste chiazze

In linea generale le chiazze si trovano su gomiti, ginocchia, braccia, gambe, mani, piedi, cuoio capelluto, regione lombare e sacrale. Tuttavia le casistiche riportano una malattia che può colpire qualsiasi parte del corpo.

Come sono le chiazze

Nella forma più comune (psoriasi a placche) le chiazze sono rossastre, circoscritte, ricoperte da squame bianco-argentee. La pelle si presenta come spessa e secca. A volte le chiazze producono una “polverina bianca” simile alla forfora. La dimensione delle singole chiazze è estremamente variabile (da pochi mm fino a diversi cm), così come la forma, la localizzazione, l’evoluzione ed il colore.

Incidenza della malattia

La psoriasi colpisce il 2-3% della popolazione mondiale e si stima che attualmente le persone affette da psoriasi nel mondo siano oltre 130 milioni. In Italia i malati sono circa 2 milioni e di questi circa un terzo soffre di psoriasi moderata.

Forme di psoriasi

Psoriasi a placche (80% dei casi)
Psoriasi guttata (10% dei casi)
Psoriasi inversa (4% dei casi)
Psoriasi pustolosa (3% dei casi)
Psoriasi eritrodermica (3% dei casi)

Sintomi della psoriasi

Oltre alle chiazze, la psoriasi non causa troppo prurito o bruciore. Può insorgere prurito soprattutto nei pazienti che vivono con grande disagio e ansia la loro condizione e che tendono a grattarsi. In casi estremi può causare dolore poiché la pelle potrebbe spaccarsi e sanguinare.

Cause della psoriasi

Non si conoscono tutte le cause che possono portare all’insorgenza della patologia, ma i fattori scatenanti più noti sono:

  • Predisposizione genetica
  • Stile di vita
  • Stress
  • Alimentazione
  • Peso, fumo, alcol
  • Traumatismi meccanici, chimici, allergici
  • Infezioni
  • Farmaci

Secondo le più recenti vedute, la psoriasi è causata da un’alterazione del sistema immunitario sia innato che acquisito che induce un’accelerazione del processo di ricambio delle cellule dell’epidermide.

Diagnosi della psoriasi

Per una corretta diagnosi rivolgersi ad un dermatologo specialista, anche perché è una malattia che si può confondere con altre patologie cutanee come la dermatite atopica, l’eczema o la dermatite seborroica soprattutto quando è in forma lieve. A differenza di altre malattie non esiste un test diagnostico specifico che possa confermare la psoriasi, ma la diagnosi si effettua generalmente attraverso l’esame obiettivo delle lesioni cutanee da parte del dermatologo, in casi selezionati può essere indicata una biopsia cutanea con esame istologico.

 Qualità della vita del paziente psoriasico

La psoriasi è una malattia invalidante da un punto di vista estetico. Le lesioni causate dalla patologia sono visibili sul corpo del malato e possono avere un forte impatto sulla vita di relazione del paziente. In particolare alle donne può causare ansia, rabbia, imbarazzo, depressione e perdita dell’autostima interferendo negativamente sulla loro vita lavorativa, sociale e personale. Molti dei pazienti ammettono di aver cambiato modo di vestire a causa della malattia, altri di provare vergogna a parlare con le persone o a stringere loro la mano, altri ancora ad avere problemi con le relazioni sessuali.
La psoriasi è una malattia pervasiva che condiziona tutta la vita del paziente, dalla sfera professionale a quella più intima e spesso i pazienti, invece di affrontare il disagio, si autoinfliggono misure restrittive come il licenziamento e la reclusione in casa. Un problema aggiuntivo è rappresentato dal pregiudizio e dalla diffidenza molto diffusi nella popolazione, correlati al sospetto di una possibile contagiosità delle malattie cutanee. Per combattere la malattia e la solitudine del paziente è importante sensibilizzare l’opinione pubblica che ancora oggi ritiene la malattia contagiosa e teme di avvicinare chi ne è affetto.

Come curare la psoriasi

L’estrema varietà di forme cliniche presuppone interventi terapeutici diversi e personalizzati in base al tipo di psoriasi e alla gravità dei sintomi. Il dermatologo non sempre è in grado di stabilire a priori l’efficacia di una terapia, anche perché quello che potrebbe essere utile in un caso potrebbe risultare inefficace in un altro.

Solo un corretto ed approfondito esame diagnostico potrà dunque stabilire il rimedio più efficace per curare la psoriasi.

Oltre alla terapia farmacologica (topica o sistemica) stabilita dal medico che può migliorare la patologia nella stragrande maggioranza dei casi, esistono alcuni accorgimenti “naturali” che possono fare la loro parte nel migliorare i sintomi della patologia.

SOLE

La fototerapia è utilissima per combattere molte forme di psoriasi, infatti una buona percentuale dei casi tende a regredire d’estate per poi riacutizzarsi nei mesi invernali. Per essere efficace, però, la fototerapia deve rispettare alcune regole. Innanzitutto i raggi solari devono colpire direttamente la pelle malata e per tal motivo la fototerapia è molto poco efficace nella psoriasi del cuoio capelluto. Il sole deve inoltre essere preso per un periodo sufficientemente lungo (almeno 2-3 settimane), poiché l’esposizione limitata al weekend spesso non porta vantaggi consistenti. E’ inoltre importante esporsi al sole con gradualità, in quanto una scottatura potrebbe aggravare ulteriormente la patologia. Per questo motivo si consiglia di evitare l’esposizione al sole nelle ore più calde, proteggendo le aree non malate con opportuni filtri solari.

ALIMENTAZIONE

A tavola si possono combattere molte malattie. Una dieta ricca di antiossidanti derivati da frutta e verdura è una preziosa alleata contro qualsiasi fenomeno infiammatorio.

STILE DI VITA

Migliorare il proprio stile di vita, abbassare il livello di stress, riposarsi adeguatamente sono strategie utili per combattere qualsiasi malattia, inclusa la psoriasi. Anche l’attività fisica può essere utile per scaricare le tensioni quotidiane.

COSMETICI DERMOCOMPATIBILI ECO-BIO

La psoriasi ha nella secchezza la sua espressione clinica caratteristica. Le alterazioni biochimiche strutturali a carico dello strato corneo minano la funzione di barriera della pelle, creando delle falle con vere proprie perdite di componenti importanti e necessari, come le ceramidi, dette anche “cemento dello stato corneo”, Se la secchezza non è trattata e mitigata, la psoriasi può peggiorare sensibilmente.

La desquamazione può provocare, inoltre, una “polverina bianca” simile alla forfora che può creare disagio nel paziente. In questi casi una crema eco-bio o un olio vegetale biologico altamente emollienti possono contribuire a mantenere morbida ed idratata la pelle, riducendo la desquamazione ed il prurito.

Anche la detersione della pelle, aspetto spesso trascurato, è importantissima e va effettuata con detergenti molto delicati e vegetali.


Ecco il protocollo di FantastiKa per trattare cosmeticamente la psoriasi:

Detersione pelle e capelli:

Bambino:

FantastiKa Bagno-shampoo nutriente Baby (pelle e capelli)

Donna:

FantastiKa Bagno-doccia nutriente (pelle)

FantastiKa Shampoo nutriente (capelli e cuoio capelluto)

Uomo:

FantastiKa Shampoo-doccia nutriente Uomo (pelle, capelli e cuoio capelluto)

Cosmetici ad elevato potere emolliente ed idratante (da applicare sulle chiazze):

Contro il prurito:

FantastiKa Crema corpo superidratante (al bisogno)

Per migliorare le condizioni delle chiazze:

FantastiKa Olio di argan 100% puro e biologico

FantastiKa Calendula crema

Questi ultimi due prodotti possono essere utilizzati separatamente (almeno due volte al giorno) oppure insieme aggiungendo qualche goccia di olio nella crema.


Riferimenti: http://www.psoriasi-italia.it/ita/psoriasi.htmlhttps://www.youtube.com/watch?v=U-j7_W6W6wI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*