Ho una crema in bagno da ormai un anno e non l’ho ancora finita. Posso ancora usarla in tutta sicurezza? Una domanda che molti consumatori si fanno è: quanto dura il mio cosmetico? Se lo uso dopo tanto tempo, corro qualche rischio?

Il Regolamento europeo sui cosmetici stabilisce 2 regole molto chiare per quanto riguarda la “scadenza” dei cosmetici, inteso come il tempo in cui il prodotto, una volta aperto, può essere utilizzato senza effetti nocivi per il consumatore:

1. Se il cosmetico è piuttosto deperibile e la sua durata è uguale o inferiore a 30 mesi (dal momento in cui viene prodotto), allora il produttore è obbligato a mettere la data di scadenza sul prodotto.

2. Se il prodotto ha invece una durata superiore a 30 mesi, la legge prevede che sull’etichetta e sulla scatola sia riportato un simbolo chiamato PAO (Period After Opening – periodo dopo l’apertura). Questo simbolo è graficamente rappresentato da un vasetto aperto sul quale troviamo l’indicazione dei mesi (un numero + la lettera m) in cui si può usare il prodotto in tutta sicurezza una volta aperta la confezione. 

Nascono spontaneamente alcune domande:

  1. Se il prodotto è sullo scaffale del supermercato da oltre 30 mesi (caso estremo) è da considerarsi scaduto? No. Il PAO indica il tempo in cui si può utilizzare in tutta sicurezza dal momento in cui si apre la confezione e si inizia ad usare il prodotto (o momento in cui il prodotto viene in contatto con l’ambiente esterno, le nostre mani, ecc.). La vita sullo scaffale non c’entra con il PAO.
  2. Nel caso di una crema solare dell’anno scorso, con PAO di 6 mesi, posso utilizzarla in tutta sicurezza anche quest’anno nonostante sia aperta? Qui la risposta dipende dal prodotto e da come è stato tenuto. In generale l’industria cosmetica, per “consuetudine”, indica per le creme o emulsioni un PAO di 6 mesi e per gli shampoo o altri detergenti un PAO di 12 mesi. Si tratta, appunto, di una “consuetudine” che spesso non corrisponde ad una regola ferrea da rispettare, soprattutto se il cosmetico è stato formulato bene con il giusto packaging e la giusta quantità di conservanti ad esempio, e soprattutto se è stato tenuto bene lontano da fonti di calore, ambienti umidi, sporchi, ecc. Nel caso del solare di cui sopra è bene verificare lo stato del prodotto prima di utilizzarlo dopo il PAO indicato. Spesso i solari sono prodotti “maltrattati” durante l’estate perché vengono lasciati al sole, nella sabbia, inquinati con acqua marina ecc. quindi non è detto che l’anno dopo il prodotto sia ancora buono. In genere si capisce se la crema solare è ancora utilizzabile verificando consistenza, colore, odore, ecc. Se il prodotto non si è minimamente alterato rispetto all’anno prima, si può usare in sicurezza.

Da sottolineare che i cosmetici in confezioni monodose, gli spray che non entrano in contatto con l’ambiente esterno e prodotti cosmetici particolari che non corrono rischi di deterioramento nel tempo non hanno né data di scadenza né PAO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*