Quando ho iniziato a vendere, vista la mia inesperienza, pensavo di non riuscire o comunque di avere serie difficoltà ad approcciare le persone. Ma non mi sono arresa!
Ho cominciato, pian piano, a proporre il prodotto alle persone a me più vicine ed il riscontro è stato immediato! Da lì a poco a poco il cerchio delle mie clienti si è allargato con il passaparola positivo (supportato dalla mia certezza di vendere dei cosmetici innovativi) poichè i prodotti, effettivamente ed efficacemente, aiutavano a risolvere i problemi dermatologici dovuti a trattamenti/cosmetici sbagliati.

Le tre qualità che ho messo in atto e che consiglio sono:

  1. La generosità verso il cliente:
    significa gratificare la cliente con omaggi, tessera fedeltà, incontri personalizzati, telefonate periodiche, ma non assillanti, finalizzati a chiedere opinioni e conoscere i risultati.
  2. L’empatia verso chi si ha di fronte:
    significa non demonizzare mai i prodotti che la persona usa abitualmente, ma consigliare un primo prodotto nuovo con un piccolo campioncino; significa ascoltare e parlare poco, senza mai imporre un prodotto; significa dimostrare di saper rispondere alle domande della cliente riguardo al prodotto e, se non si ha la risposta, avere l’umiltà di dire “Parlo con l’azienda e ti farò sapere”; significa proporre e non imporre.
  3. La creatività per acquisire nuove clienti:
    significa organizzare piccole riunioni con massimo 4-5 persone per spiegare sia la filosofia aziendale sia i prodotti; significa dare alle partecipanti di queste riunioni uno sconto o un omaggio; significa parlare del mio lavoro di Consulente di Bellezza Bio con amiche, mamme di scuola, della palestra, del lavoro; significa parlare di cosmesi in un ambito femminile, ma oggi anche maschile, perchè la cosmesi interessa sempre.

A oggi il mio giro di clienti si aggira tra le 50 e le 100 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*