Mentre molti mi chiedono perché ho scelto il nome “FantastiKa” per il mio marchio, pochi mi hanno chiesto come è nata l’idea del logo della Donna-Farfalla.

Secondo e attuale logo di FantastiKa.

Sicuramente non è merito della mia personale creatività. Non credo che sarei mai capace di disegnare un logo, ognuno ha i suoi limiti. In ogni caso, sapevo che mi sarebbe piaciuto un logo che richiamasse le Donne, principali artefici del successo di FantastiKa, ma anche la Natura dato che sono un’ecologista da decenni ed i prodotti sarebbero stati tutti eco-bio-vegan. Ma non speravo di poter inserire in un’unica immagine anche il concetto di Libertà che, come molti sanno, è il valore in assoluto più importante per me.

Mentre navigavo online in cerca di idee, non so come (ma come si dice “niente avviene per caso”), mi sono apparse delle immagini di cerchi nel grano (i cosiddetti crop circles). Ora, io non sono un’appassionata di ufo o di X-files ma mi sono apparse dei cerchi molto belli ed interessanti. E mentre li guadavo, scorrendo Google Immagini improvvisamente cattura la mia attenzione questo cerchio:

Penso: “Wow, bellissimo! Un uomo vitruviano dentro una farfalla”. L’idea mi è sembrata subito geniale! Pochi sanno che sono una grande appassionata di Leonardo Da Vinci, tanto da aver fatto diverse conferenze sul Leonardo esoterico.

Questo cerchio nel grano stava riunendo la figura umana, che io avrei trasformato in un Donna, con la figura della farfalla, simbolo universale di Libertà. Mancava però l’elemento naturale… Grazie alla mia amica, Elisa Leotti, grafica e creativa, riuscimmo ad aggiungere l’elemento Foglia/Natura trasformando i contorni di un’ala della farfalla. Ed ecco nascere il logo che tanto amo e che continuerò ad amare per sempre.

Prima versione del logo FantastiKa, cambiato nel 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*